Festival d’arte “Apuliae”2018-09-22T14:07:20+00:00

Festival d’arte Apuliae

Il Festival d’arte “Apuliae” è un Festival itinerante che coinvolge vari comuni e borghi della zona collinare appenninica e preappenninica, oltre alla città capoluogo. Nato nel 2004 per volontà dell’Associazione “Spazio Musica”, della Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali, della Provincia di Foggia, dell’Ismez (Istituto per lo sviluppo musicale del Mezzogiorno, con sede a Roma) e di numerosi altri enti, ha la finalità di offrire stimoli culturali ed artistici ad una zona della provincia di Foggia molto disagiata da un punto di vista logistico e ancora piuttosto povera di stimoli culturali, ma, d’altra parte, molto interessante dal punto di vista turistico, architettonico e paesaggistico ed ha l’intento di utilizzare lo spettacolo come volano per creare un indotto turistico in un’area della provincia di Foggia poco valorizzata e di far riflettere sui grandi temi della contemporaneità, proponendo spettacoli spesso introdotti da conversazioni o momenti di riflessione. Tutti gli spettacoli si svolgono in siti e contenitori culturali di rilevante interesse storico e artistico; trattandosi per la maggior parte di spettacoli all’aperto, fin dal 2004 sono state individuate le locations che potessero garantire una qualità acustica idonea alla tipologia degli spettacoli e contestualmente uno scenario interessante dal punto di vista storico ed architettonico. L’intento del festival è duplice: valorizzare i luoghi di una zona della Capitanata ancora esclusa dai grandi circuiti turistici utilizzando come volano la musica e lo spettacolo, da una parte, e produrre spettacoli nuovi, coinvolgendo, al fianco di artisti della Regione e internazionali, intellettuali e grandi personalità chiamate a relazionare sulle grandi tematiche del nostro tempo.

Festival d’arte, o forse più propriamente, festival d’arti, perché l’obiettivo e l’originalità di questo contenitore culturale è quello di far dialogare e convivere vari linguaggi artistici: conversazione, danza, musica, pittura, canto e così via.

La multidisciplinarietà è certamente la cifra stilista del Festival d’arte Apuliae che giunge quest’anno alla quindicesima edizione.

I Festival colorano la Puglia dal Gargano ai Monti Dauni

Con 15 edizioni all’attivo e una programmazione che ogni anno, durante il periodo estivo, si ripete e rinnova completamente, il festival continua a viaggiare tra la gente nelle città e nei borghi della Puglia, proponendo spettacoli sempre nuovi e ‘aperti a tutti’. Finora il festival ha organizzato oltre 150 manifestazioni, coinvolgendo oltre 2.000 artisti tra cantanti, intellettuali, scrittori, attori, registi, acrobati, coreografi, giocolieri, ballerini, direttori d’orchestra, solisti.

La commistione, la contaminazione, il gioco tra le arti sono stati gli ingredienti di una programmazione originalissima che ha accostato mondi e linguaggi lontani fra loro, realtà creative che poco usualmente si intersecano e che ancor meno usualmente dialogano all’interno di contenitori culturali come festival o rassegne. Cinema, danza, teatro e anche il circo si sono legate alla musica in un nuovo accostamento che, col confronto e lo scambio tra due mondi così diversi, conferiscono un tocco innovativo e insolito alla programmazione. Il Festival non dimentica di inserire nel cartellone eventi che affrontano tematiche ispirate alle questioni più attuali del dibattito civile. La diversità culturale che vogliamo promuovere evoca la condivisione delle ricchezze custodite in ogni cultura del mondo e quindi i legami che ci uniscono nello scambio interculturale e nel dialogo con le comunità presenti sul nostro territorio. La sfida principale è consistita nel proporre una visione coerente di questa diversità, senza smarrire la nostra identità.

Seguici sulla nostra pagina FB